Parigi! La città per eccellenza dell’amore, del romanticismo, delle coppiette in cerca del loro week end perfetto e delle dichiarazioni di matrimonio in cima alla Tour Eiffel. Ma è tutto qui?

Cosa ha da offrire la città della vie en rose?

Parigi è sicuramente una delle più belle città del mondo. Oltre alle innumerevoli opere architettoniche e musei, quello che a mio parere salta subito all’occhio è l’atmosfera che riesce a creare, unica nel suo genere.

Che tu sia in coppia alla ricerca del fine settimana romantico o tra amici alla ricerca di una nuova città da visitare, Parigi fa sicuramente al caso tuo.

 

Cosa vedere a Parigi

Chiaramente Parigi ha innumerevoli attività da svolgere e tantissime cose da vedere. Quello che ti consiglio, e che puntualmente cerco di fare quando viaggio, è di fare una lista di cosa vedere ed assegnare delle priorità. Scegli le cose secondo te veramente imperdibili e per il resto lasciati trasportare da quello che al momento ti ispira di più. Spesso mi è capitato di ritrovarmi in vicoli sconosciuti o in luoghi per nulla turistici che però hanno aggiunto quel tocco di magia al viaggio. Intendiamoci, Parigi è una città che di luoghi magici ne ha veramente a dozzine. 😉

Ma torniamo a noi e al nostro itinerario.

Montmartre

sacre-coeurUn luogo che riesce immediatamente a trasportarti nell’atmosfera parigina è Montmartre.
Fa sicuramente parte dei luoghi imperdibili, i suoi edifici, i vari negozi ed i vicoli ti fanno fare un salto nel passato, ti sentirai un pò come nel film “Midnight in Paris” del buon vecchio Woody Allen, certo, forse non farai gli stessi incontri del protagonista, ma avrai la sensazione di aver assaporato la Parigi
di cui hai sempre sentito parlare.

 

arpa-sacre-coeurPer raggiungerlo prendi la metro (Fermata Abbesses), inoltre all’interno di Montmartre troverai la Basilica del Sacro Cuore, altro pezzo storico ed imperdibile di Parigi e se sei fortunato sulla scalinata vicino la Basilica, potrai rilassarti ascoltando qualche artista di strada che suona l’arpa mentre ammiri la città dall’alto. Cosa si può volere di più? 🙂

 

 

 

 

 

Champs-Elysèes

Dopo Montmartre altra tappa imperdibile sono gli Champs-Elysèes, dove potrai passeggiare tra le innumerevoli vetrine di negozi per tutti i gusti, fino ad arrivare all’Arc de Triomphe, altro monumento storico di Parigi. E’ possibile visitarlo semplicemente acquistando un biglietto al costo di €8,00, ben più difficile è invece raggiungere il monumento che si trova nel bel mezzo di una rotatoria. E’ severamente vietato attraversare la strada!! per cui cerca il sotto passaggio per raggiungerlo.

arc de triomphe

Notre Dame

notre-dameRimanendo in tema di monumenti storici, non puoi farti mancare la Cattedrale di Notre Dame. Hanno fatto musical, film, cartoni animati, direi che nell’enorme puzzle di Parigi, Notre Dame è un pezzo fondamentale. Per cui preparati, fermata della metro St Michel – Notre Dame e ci siamo.

La Cattedrale è imponente, vicinissima alla Senna il che rende il tutto più suggestivo. L’ interno con i suoi mosaici è davvero meraviglioso, poi se abbiamo fiato e buona volontà (e altri €8.00) possiamo salire sulla cima, ammirare la città dall’alto che è sempre un piacere e fotografare uno dei famosissimi gargoyles.

 

gargoyle

Shakespeare and Company

A pochi passi dalla Cattedrale, c’è quella che io considero una “chicca”, la libreria Shakespeare and Company. Un luogo quasi surreale. Immagina di essere nel caos di ogni grande città. Cammini per la strada, vedi un paio di banchetti ed una vetrina color verde che attira la tua attenzione.

shakespeare-and-companyTi avvicini. Il nome magari ti ricorda qualcosa, i libri esposti sono particolari, così decidi di entrare.
Varcata la soglia, non sei più a Parigi. Non c’è più caos se non quello di migliaia di libri sparsi. Non c’è più rumore, c’è un religioso silenzio. Le persone intorno a te, turisti a parte, sono diverse, hanno un che di sofisticato, di curioso, sembrano usciti da qualche bel romanzo. Li guardi come se avessero un viso familiare.

L’atmosfera è calda, ripiani di legno ti circondano con ogni tipologia di libri, vecchi e nuovi. Ti senti trasportato in una dimensione parallela, fatta di finzione, lettere, macchine da scrivere, carta e copertine. Tutto sembra essere in disordine ma al posto giusto. Mentre sei totalmente rapito, senti nell’aria una melodia. Cerchi di capire da dove proviene. Sali sulle scricchiolanti scale di legno, giri intorno ad uno scaffale e vedi una signora, seduta ad un pianoforte, con uno spartito ingiallito trovato su un vecchio scaffale impolverato. Non ti chiedi il perchè ne cosa ci fa un pianoforte, tutto è così in armonia. L’unica cosa che riesci a fare è sederti accanto al piano, ascolti la melodia e ti lasci trasportare in quella che in quel momento è la dimensione giusta. La tua.

Una scritta che fa da logo recita:

“All the characters in this bookstore are fictitious, so please leave your everyday self outside the door when you enter the place Henry Miller calls wonderland of books.”

Inutile dire che l’ho particolarmente apprezzata. 🙂

Tour Eiffel

 

tour-eiffel-carouselIn tutto quello di cui abbiamo parlato, manca però un tassello essenziale. Il monumento per eccellenza di Parigi.
Fermata Trocadero, ed eccola lì con tutta la sua maestosità.

La Tour Eiffel!!
Qualsiasi parola non renderebbe l’idea a questo imponente agglomerato di ferro. Con i suoi 324 metri di altezza, stacca completamente con il resto del paesaggio e degli edifici, eppure è perfetta. Chiaramente non basta vederla, DEVI assolutamente (vertigini a parte) salire in cima. Dall’alto sovrasti completamente la città e preferibilmente al tramonto (mio consiglio) si riesce ad avere un’esperienza visiva davvero impressionante.

Da non sottovalutare il fatto di rimanere in zona quando diventa buio. Vederla illuminata rende ancora di più la maestosità di quella che è la “regina” dei monumenti di Parigi. Quando poi ad intervalli regolari viene illuminata da flash intermittenti con la “regina” che brilla lo spettacolo è assicurato.

Musei

Parigi louvreè anche cultura, arte e storia. Tappa quindi obbligatoria è uno dei musei più famosi al mondo, il Louvre. Non voglio dilungarmi molto sulla questione musei, a me piaccio

no molto eppure, tranne qualche eccezione, cerco di non dedicarci troppo tempo durante i miei viaggi. Preferisco sfruttare i giorni rimanendo il più possibile a contatto con la cultura locale. Il Louvre, comunque se sei un amante della storia diventerà il tuo paese dei balocchi, altrimenti è comunque una visita interessante e piena di curiosità.

Se invece sei un amante dell’arte, il museo da non perdere è sicuramente il d’Orsay. Ricavato dalla vecchia stazione ferroviaria “Gare d’Orsay” appunto. All’interno puoi trovare i maggiori esponenti dell’impressionismo e post-impressionismo francese. Veramente bello, sia la struttura del museo sia le opere che sono esposte. Io l’ho adorato.

Queste chiaramente sono solo alcune delle cose da vedere in un itinerario a Parigi.

Se stai prenotando un viaggio verso questa meta spero che queste informazioni possano esserti utili, se invece stai semplicemente viaggiando con l’immaginazione sull’onda dei ricordi, scrivici quali sono state le tue esperienze in questa magnifica città e cosa consiglieresti di vedere.

Non mi resta altro che augurarti, Bon Voyage!

torre eiffel faro

parigi

Pin It on Pinterest